Mister 2008: Gianluca Forno

Conosciamo meglio il nuovo allenatore dei Primi Calci 2008 dello Spartak San Damiano con questa piccola intervista.


Che gruppo e che categoria allenerai questa stagione?

Allenerò la categoria Primi Calci 2008.

 

Da quanti anni sei allo Spartak?

Questo è il mio primo anno allo Spartak.

 

Dov'è stata la tua prima esperienza da allenatore?

La mia prima esperienza da allenatore è stata al Sandamianferrere.

 

Un calciatore che hai allenato e che ricordi con più piacere?

Beh, se posso ne cito più di uno. Ovviamente quelli che ho ritrovato ora da allenatori allo Spartak, come i fratelli Daniele e Fabrizio Baracco ed Enrico Rabino. Ma anche Gardino e Marinetti che giocano in prima squadra. Poi ricordo con piacere il gruppo degli Allievi regionali dell'Asti che allenai da "vice" insieme a Franco Moretti, un tecnico fantastico da cui c'è tantissimo da imparare. Ricordo Bertero, Ferraroni, Lorenzo Rossi, Fabio Testolina, Fraquelli, Manzone... Gruppo eccezionale.

 

Giocatore famoso che non dovrebbe mai mancare nella tua squadra ideale?

Angel Di Maria.

 

Allenatore famoso che ammiri?

Guardiola per certi aspetti "estetici" di calcio brillante; Simeone per altri versi legati alla "garra". Due facce diverse della stessa medaglia di grandissimi allenatori.

 

Uno o più colleghi dello Spartak su cui vuoi fare due parole?

Molti sto imparando a conoscerli; con Gigi Barbero invece ci conosciamo da tempo ed è sempre un piacere chiacchierare con lui.

 

Un giovane giocatore del Settore Giovanile gialloblù che non alleni e ti piacerebbe allenare un giorno?

Onestamente non li conosco bene. Mi parlano di un ottimo gruppo di 2009...

 

Un tuo pregio da allenatore?

Qui alleno i piccolini e credo sia giusto che abbiano tanta libertà di esprimersi. Ma quando crescono bisogna inquadrarli tatticamente e credo di saperlo fare bene.

 

Un tuo difetto?

A volte eccedo proprio con il tatticismo.

 

Il momento più bello da allenatore che hai mai vissuto?

Il secondo posto con la Juniores dell'Annonese, qualche anno fa. Fummo la grande sorpresa, ci beffò La Sorgente Acqui, ma avremmo meritato il titolo provinciale. Bel ricordo, soprattutto una vittoria 3-1 a Felizzano (lì era un derby sentitissimo) in 9 contro 11, anche se alla fine un pizzico amaro. E lo stesso anno l'avventura con la selezione provinciale astigiana sempre degli Juniores; vincemmo il girone eliminatorio, perdemmo la semifinale 1-0 con tanta sfortuna.

 

Sogno nel cassetto da allenatore?

In realtà uno lo ho già realizzato: vedere ragazzi che ho allenato intraprendere proprio questo cammino.


PARTNERS