Esordienti 2003: Canelli - Spartak 3-1

I ragazzi di mister Fabrizio Baracco creano tantissimo ma sciupano. Risultato senza dubbio bugiardo. Parziali: 1-0, 1-0, 0-0.


Per la prima volta dall'inizio del campionato i 2003 si presentano al completo, senza defezioni. Cotto torna dall'infortunio, dimostrando di aver recuperato a pieno e dando un prezioso contributo.


L'inizio dei gialloblù è timido, ma comunque guardingo e concentrato (Bonino e Manzato su tutti), e il primo tempo scivola così via senza grosse emozioni con il Canelli che trova il gol a due minuti dal termine con un tiro dal limite dell'area con la difesa piazzata, ma disattenta.


Il secondo tempo prosegue equilibrato, con Cani che si allunga ed effettua due belle parate su altrettanti tiri da fuori. Lo Spartak risponde con Costa che è bravo a sfondare due volte sulla sinistra: nella prima occasione calcia fuori di un pelo con il portiere in uscita, nella seconda, ormai arrivato nell'area piccola, viene anticipato dalla difesa avversaria. Anche Danusso, nonostante i numerosi falli subiti, trova l'occasione per rendersi pericoloso, ma il suo tiro improvviso termina alto di poco.

Il Canelli però raddoppia al 15° con un tiro in diagonale in area.


Il terzo tempo finisce a reti bianche, ma le occasioni per capitan Penna e compagni si susseguono, senza però la giusta precisione e fortuna. Si distinguono senza dubbio Torchio e Vilhem, che non si fermano mai, lottano su ogni pallone e alla fine della gara risulteranno tra i migliori in campo.

Massocco, ben lanciato, appena dentro l'area conclude con un tiro non angolato; subito dopo è Danusso ad entrare in area dopo una serpentina e concludere forte, ma alto. Ancora Massocco, ben servito da Steffenino, conclude con un tiro a giro che il portiere riesce a deviare in angolo.

Proprio sugli sviluppi del calcio d'angolo, Iordache calcia con convinzione da fuori, ma la palla, ancora una volta, termina di poco alta sopra la traversa.

Proprio all'ultimo minuto arriva ancora un'occasione sui piedi di Steffenino che defilato, ad un passo dalla porta, angola troppo il tiro.

 

Mister Baracco a fine partita dichiara: “siamo partiti forse un po' timorosi e rispettosi degli avversari, ma quando abbiamo capito che potevamo giocarcela alla pari siamo cresciuti tempo per tempo, arrivando a creare tantissimo negli ultimi 20 minuti. So che per i miei ragazzi è difficile comprendere che non bisogna fermarsi al risultato per giudicare una partita; ho detto loro che preferisco perdere creando tantissime palle gol piuttosto che vincere uno a zero con un unico tiro in porta. Ho sentito i loro giocatori a fine gara dire ai miei che noi saremmo “scarsi”. Speriamo di migliorare ancora tanto per farli ricredere la prossima partita.